MISSION

R.O.M.A. | IL SITO 

STAY TUNED!

OBIETTIVI

“Colmare le distanze”.

Prevedere strutturalmente all’interno dell’offerta di qualità e verità della nostra ristorazione, dell’eno-gastronomia e degli artigiani di Roma un ventaglio di offerta e possibilità per arrivare al cliente con cure e attenzioni, anche a distanza.

Le “coccole” e i contenuti specifici per attuarle già sin d'ora.

 

Ridisegnare la ristorazione: la creatività come contenuto imprenditoriale.

Il delivery innovativo e di qualità come mezzo e non come fine: uno degli strumenti da agire riempiendolo di contenuti. Non più accessorio ma parte integrante dell’identità di ciascuno degli aderenti, colmando di contenuti convincenti finanche le normali diffidenze iniziali, pur dovute a una situazione davvero inedita per tutti.

Farsi da apripista anche per gli altri, allora, nel immaginare e realizzare un’offerta a 360° varia ma coerente: dal cliente in sala a quello da invogliare e raggiungere a casa o in ufficio, facendogli percepire comunque il calore e l’attenzione che contraddistingue tutti noi.

OLTRE IL DELIVERY.

Ci si dota di strumenti specifici, sin d’ora ripensati ad hoc per giungere coerentemente al consumatore finale; con il tempo e il contributo di tutti ne verranno implementati di ulteriori oltre a: la linea espressa ad hoc, la linea del freddo, la linea per il pranzo o per gli uffici, i “KIT” della ristorazione per coinvolgere e divertire il cliente, ridisegnare bene la fruizione all’interno, una proposta flessibile e di qualità per il vino e le nostre eccellenze che scegliamo, e tanto, tanto altro ancora da "mettere in pentola". 

Ridisegnare il mercato. Crescere.

Riposizionarsi, ampliare i bacini di utenza.

Indurre nuove abitudini e desideri è possibile, anche nel frequentatore abituale di ristoranti, attento e “d’élite”: e al loro mercato stratificato, ampio e diffuso.

Sta agli "osti volenterosi", a noi.

A molti verrà meno parte importante delle loro clientele tradizionali “in sala”, e per molto tempo. Senza sapere se e come torneranno, e se identiche. Facile immaginare quindi l’impatto sui fatturati e sulle marginalità di molti rimanendo fermi o facendo solo “un po’ di delivery”, e non progettato.

Si rende perciò necessario proporsi efficacemente a nuovi bacini d’utenza, oltre a raggiungere comunque i propri aficionados. Lo strumento della rete, dell’associazione, degli strumenti ad hoc pensati per penetrare il mercato e l’ampio bacino potenziale romano vanno in questo senso e si rendono necessari per riposizionarsi, rialzarsi e correre nel più breve tempo possibile.

Questa associazione si propone quindi non già di “tamponare” ma anche di crescere, di consentire lo sviluppo del lavoro, anche su basi e opportunità nuove, innovative. Vere e sincere.

Per disegnare insieme una nuova "normalità".

L’immaginare un ritorno alla normalità tal quale la conoscevamo appare quantomeno incerto e comporterebbe un’attesa altrettanto dubbiosa e pericolosa.

Il nostro intento è quindi agire, ridisegnare questa nuova normalità sin d’ora, cercando di anticipare i cambiamenti del mercato nell’animo di non doverli subire malvolentieri, e arrancando.

Lo scopo di questa rete, di questa associazione virtuosa è dare visibilità a questo disegno restando coerenti con sé stessi. E che se agito da singoli sparsi difficilmente si imporrebbe all’attenzione del mercato, o in tempi assai più lunghi, a volte non sostenibile dai singoli.

Perché in associazione?

Il 'bollino di qualità e verità' di R.O.M.A.

Strumenti e soluzioni condivise, visibilità e comunicazione: “l’unione fa la forza”, specie quando gli obiettivi sono chiari e ben comunicati. Quando i componenti del patto sono già di per sé un valore aggiunto, la cui somma comporta ulteriore visibilità e propaganda più efficace dell’idea nuova della ristorazione, attraverso tutti gli strumenti utili a tal fine: agire le distanze e non subirle.

Creare attenzione e mercato specifici, a beneficio anzitutto degli aderenti e poi della qualità diffusa nell’Urbe. La forza che ciascuno acquisisce si riverbera sulla forza della rete, e viceversa.

R.O.M.A. come interlocutore degli attori istituzionali, e non.

La qualità e il valore della rete e dei suoi componenti si proporrà facilmente come interlocutore con le istituzioni sul territorio (Comune, Regione, etc.).

E non solo per gli scopi sin qui esposti.

Degna rappresentante e tessuto connettivo com'è della Roma che - tra mille difficoltà - che non cede alle lusinghe dell’offerta turistica o falsamente economica troppo diffusa nella nostra città e che tende costantemente a snaturarla, potrà proporsi con autorità e voce importante e ascoltata già nel campo dei media, poi verso gli attori istituzionali, e anche verso partnership di qualità: adeguate e strategiche.

Cambiare e innovare non solo è giusto, ora è necessario.